alessandro Gallotti

Faccio l’arbitro di calcio. Non è semplice. Ogni volta devo mettere impegno, attenzione e competenza. Devo saper dialogare e gestire al meglio situazioni talvolta complicate ed essere sempre concentrato e dare il meglio di me stesso. E’ quello che faccio in ogni situazione della vita.
“Il buon marinaio si conosce nelle tempeste.”

loading...

PRESENTAZIONE

Passione. Penso che basti questa parola per definire l’insieme di quelle esperienze che definirei come “vita”. Un filo conduttore che mi ha sempre guidato in ogni scelta che dovevo fare: nello studio, nel tempo libero e nel lavoro.

Dopo aver conseguito la maturità scientifica, ho seguito i miei interessi e come percorso universitario ho optato per il ramo umanistico, nello specifico quello filosofico. La facoltà di filosofia mi ha trasmesso l’amore per la ricerca e insegnato l’importanza di ascoltare e capire gli altri. Insegnamenti molto importanti per un lavoro come quello del consulente finanziario.Ascoltare il cliente, capirlo e trovare insieme le migliori soluzioni sono il mio obiettivo. Scovare la strada giusta da sé può non essere semplice vista la complessità del mondo in cui ci troviamo. Un mondo che cambia a rapida velocità. Il segreto di una buona riuscita è un bel lavoro di squadra. Lezione che ho imparato anche dallo sport, una mia grande passione, dove sono arrivato a disputare le finali dei campionati italiani di sollevamento pesi. Da cinque anni sono arbitro di calcio, attività che pratico tuttora.

E il lavoro? Anche in questo ambito di vita le scelte sono sempre state guidate dal mio sentimento. Dopo aver provato alcune professioni ho avuto la fortuna di entrare nel mondo della finanza. Un percorso cominciato come intermediario assicurativo e che continua oggi con Fideuram come consulente finanziario.

Ma sono sufficienti queste poche righe per dare realmente un'idea di chi sono? Ovviamente no. Non ci sono presentazioni che tengano, bisogna passare dalle parole ai fatti. E io sono pronto.

loading...

CERTIFICAZIONI

loading...