anna maria Maniscalco

Il mio lavoro è la mia passione, la soddisfazione dei miei clienti il mio fine ultimo. Proiettata al futuro ed al miglioramento, la mia mission è quella di accompagnare i miei clienti nell’intricato mondo della finanza, consigliandoli e mettendo a loro disposizione gli strumenti migliori.
“Il fattore chiave che determinerà il tuo futuro finanziario non è l'economia; il fattore chiave è la tua filosofia”

loading...

PRESENTAZIONE

Era il 1991 quando mi presentai all’ufficio personale di quella che allora era la Banca CRT, timida e un po’ impacciata come tutti quelli che, in quegli anni, andavano a fare il colloquio per essere assunti in banca. D’altra parte avevo 20 anni e, a parte una brevissima esperienza lavorativa come cassiera in un supermercato appena diplomata, per me questo era il realizzarsi di un sogno. Il posto in banca…e cosa c’era di più sicuro e ben remunerato all’epoca? Cosi cominciai l’avventura…mi assegnarono ad un’agenzia di Torino dove, come tutti i neoassunti, mi misero a fare cassa e sportello. Dopo circa tre mesi mi chiesero di affiancare i colleghi del settore famiglie, quelli che si occupavano dell’apertura dei conti e soprattutto i colleghi dell’ufficio titoli. E mi si aprì un mondo…talmente affascinante che oggi sono qui a raccontarlo…A quei tempi i mercati finanziari erano un’altra cosa, tutto garantito, tassi alti…ogni mattina non si cominciava a lavorare se non dopo aver letto il Sole 24 Ore, e così fu per un po’, finchè non mi dissero che sarei stata trasferita allo sportello dell’Ospedale Martini. Inizialmente un po’ preoccupata perché, come tutte le piccole agenzie bisognava saper fare di tutto, dalla cassa alla tesoreria…dai prestiti ai mutui…ma soprattutto i miei amati titoli! Era il 1993 e cominciavano a comparire i primi fondi d’investimento e le prime gestioni patrimoniali…credo sia stato uno dei periodi più belli in assoluto e soprattutto ciò che mi appagava era la soddisfazione di saper gestire il cliente in ogni sua necessità. Questa è sempre stata la priorità.Nel 1997 aprono l’agenzia di Via Monginevro e mi ci spediscono…il vantaggio di saper gestire la piccola realtà…Ma nel frattempo avevo avuto due splendidi bambini e questo mi spinse a chiedere l’avvicinamento a casa, abitando a Pianezza sarei stata agevolata nel menage familiare se avessi lavorato vicino casa e direi che meglio di così non poteva andare…nel 2000 finii proprio a Pianezza! Non senza difficoltà…per avere il trasferimento dovetti accettare di rientrare in cassa…un mondo che non mi era mai appartenuto e così, alla prima influenza di “gruppo” dei colleghi dei piani alti mi offrii immediatamente e tirai fuori tutta la passione che avevo per il lavoro di gestore degli investimenti…a tal punto che rimasi lì…a seguire le famiglie, prestiti mutui e investimenti.Quanti colleghi si sono avvicendati, i direttori, i capi area ed ognuno di loro mi ha lasciato qualcosa…nel bene e nel male. Ma ho avuto la fortuna di lavorare in banca in un periodo dove lavorare era divertente, si rideva e si scherzava tra colleghi e con i clienti …ho avuto la fortuna di avere qualche “capo” che ha creduto in me, che mi ha insegnato tanto e che mi ha fatto giungere alla conclusione che, se oggi sono quella che sono, lo devo anche a loro che probabilmente hanno visto la mia passione ed il mio impegno.Poi le cose cominciarono a cambiare…i colleghi non sorridevano più, i capi non facevano altro che dare numeri e dispensare budget, i clienti erano diventati solo più lo strumento attraverso il quale la banca faceva il suo interesse. Non importava quale fosse il tuo nome o il nome dei tuoi clienti, non importava se qualche collega aveva problemi familiari o di salute…tutto ruotava attorno ai budget…e questo non mi piaceva più. Quando ti dicono di non prendertela perché i clienti non sono tuoi ma della banca, quando ti mandano via da un’agenzia dopo tanti anni perché, dicono, fai “ombra al direttore”…perché ci metti il cuore in quello che fai.Gennaio 2012 mi mandano a lavorare all’agenzia di Alpignano ma tante cose mi stavano strette, quando vedi che persone valide , competenti e motivate vengono “declassate” perché si oppongono al sistema…quando parli con un direttore del personale che non ti ascolta perché fondamentalmente non gli interessa…cambi…e cominci a guardarti intorno, cominci a vedere le cose più chiaramente…il sistema finanziario è cambiato completamente, la volatilità dei mercati, gli spread, il bail-in , Lehman Brother e chi più ne ha più ne metta…cominci a realizzare che quello che conta è la consulenza, l’informazione ai clienti chiara e trasparente, anche se lo sappiamo benissimo che gli italiani fanno fatica ad accettare i cambiamenti…ma ciò che veramente contava per me era PARLARE E..SPIEGARE…Alle soglie dei 40 mi rimisi a studiare per poter finalmente avere l’iscrizione all’albo dei promotori perché, ovviamente, dopo più di 20 anni trascorsi a gestire portafogli, la banca non mi rilasciava alcun attestato.Così, ad ottobre 2012, decisi di andare ,volare con le mie ali… per me e per i miei clienti.Scelsi Fineco perché più vicina a mamma Unicredit, banca libera dove al cliente puoi fare davvero quello che vuoi…ottima piattaforma operativa, cominciai a dire finalmente ciò che era giusto ai clienti anche a costo di dire cose che non volevano sentirsi dire ma…io sono fatta così…lotto sempre per il giusto, per la correttezza e l’onestà. Ma il mondo va avanti alla velocità della luce, e se da una parte la tecnologia avanza rapidamente, dall’altra, negli ultimi anni, si è fatta avanti un’esigenza ancora più importante…la pianificazione e la protezione dei patrimoni. Quei patrimoni che i nostri “vecchi” sono riusciti a mettere da parte con tanti sacrifici e che, per svariati motivi, le nuove e future generazioni potrebbero perdere.Ed eccomi qua…da dicembre 2018 sono in Fideuram! Ma perché? Direte voi…perché chi fa un lavoro impegnativo e di grande responsabilità come il mio non può non stare dietro al mondo che cambia e alle esigenze dei clienti che cambiano…fiscalità, pianificazione successoria, tutela del patrimonio immobiliare e mobilare per privati e società, strumenti finanziari ecc..nulla può più essere lasciato al caso….e Fideuram è tutto questo e anche un po’ di più…il valore della consulenza strategica integrata e il valore della consulenza finanziaria, sono convinta, non possono più prescindere l’una dall’altra.Quindi sono qui e continuerò a fare il mio lavoro con la mia solita passione e con coraggio perché, per me, più che un lavoro è una missione...continuerò a mettere i miei clienti al centro e farò tutto quello che mi è possibile per riuscire a fare almeno un po’ apprezzare questi famigerati mercati finanziari ai clienti e farò di tutto per ridargli almeno un po’ di serenità e di sicurezza in questo caos che è il mondo di oggi creando una rete di professionalità con gli esponenti della consulenza patrimoniale strategica, che è oggi imprescindibile nelle operazioni di tutela del patrimonio, si genera l’efficienza. E l’efficienza va ricercata con impegno ogni giorno.

loading...

CERTIFICAZIONI

loading...