claudia Nieri

Ho un piccolo giardino intorno a casa. Me ne prendo cura. Ci metto tutto il mio impegno. Quando ammiro quel tappeto verde… la forma ordinata della siepe… sono ripagata di tutto. Ogni primavera rivedo la bellezza di aver creduto nel mio sogno. Ogni giorno aiuto clienti come te a credere nei loro.
“Il futuro appartiene a coloro che credono nella bellezza dei loro sogni.”

di Eleanor Roosevelt

loading...

PRESENTAZIONE

Un giorno mia madre mi accompagnò nella piccola azienda di materie prime tessili di mio padre e li trovai un signore con gli occhi chiarissimi e i capelli ricci.

Aveva tanti fogli in mano, pieni di numeri e grafici.

Mio padre lo ascoltava. Quel signore sapeva di sicurezza.

Quel signore era il suo consulente finanziario.

A dieci anni ho deciso che avrei fatto il consulente finanziario.

Da mio padre e Mauro ho imparato tutto: umiltà competenze e coraggio che ogni giorno mi accompagnano quando parlo con i miei clienti.

L’umiltà mi permette di ascoltare storie nuove, fatte di lavoro, di rinunce, di successi, di gioie e di emozioni.

Sono le storie che clienti come te mi raccontano per trasformare i loro sogni e le loro aspettative in realtà.

Le competenze sono per me strumenti, che io utilizzo per guidarti e aiutarti nelle scelte importanti della tua vita: La tua conoscenza e la conoscenza della tua famiglia sono per me la base da cui partire per poterti indirizzare verso nuove mete.

Il coraggio è una vocazione umana. Coraggio è immaginare, inventare, osare nuove imprese.

Cosi come quel ragazzo esile dell’Oregon, caparbio al punto di provare e riprovare con il salto in alto, anche se non riesce a saltare sopra il metro e sessanta.

Sono gli anni in cui un certo Valery Brumel, atleta sovietico, nel 1964 alle olimpiadi di Tokyo vince la medaglia d’oro e fa il nuovo record del mondo con due metri e diciotto.

Si salta con il salto ventrale.

E’ il 1968, siamo alle olimpiadi del Messico.

Arriva il ragazzo esile sulla pista. Ha una scarpa nera e una bianca. Sugli spalti la gente ride.

Poi il ragazzo prende la rincorsa, ma non salta in avanti, bensì all’indietro.

L’asticella non si muove e quando il ragazzo atterra sul materasso, la gente non ride più.

E’ il nuovo record mondiale. Due metri e ventotto.

Quel ragazzo si chiama Dick Fosbury.

Da quel giorno il salto in alto si fa in quel modo.

Coraggio è non aver paura di osare nuove imprese.

Se anche per te umiltà, competenze e coraggio sono essenziali, sarò felice dietro un tuo input di contattarti al più presto.

loading...

CERTIFICAZIONI

Corso  Financial Plannig: SDA Bocconi 1997

loading...